Personale docente

Paolo De Stefani

Ricercatore universitario confermato

IUS/13

Indirizzo: VIA DEL SANTO, 28 - PADOVA . . .

Telefono: 0498278383

E-mail: paolo.destefani@unipd.it

  • Il Lunedi' dalle 14:30 alle 16:30
    presso via del santo 77
    il ricevimento del 16 ottobre 2017, causa sessione di lauree, ha orario ore 16-17,30 - On October 16 office hours are delayed due to graduation session: 4pm-5.30pm.

Paolo De Stefani è ricercatore e professore aggregato di diritto internazionale presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Padova. Dopo la laurea in giurisprudenza, conseguita presso l'Università di Padova nel 1989, ha ottenuto il diploma presso la scuola di specializzazione in Istituzioni e tecniche di tutela dei diritti umani dell'Università di Padova. Ha quindi svolto ampia attività di ricerca presso il Centro interdipartimentale sui diritti della persona e dei popoli della stessa università. È stato professore a contratto presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Padova e il Master europeo in diritti umani e democratizzazione, nonché presso altri master e corsi di perfezionamento di varie università italiane. Ha svolto attività di consulenza e di ricerca su tematiche relative ai diritti umani e ai diritti dell'infanzia presso la Regione del Veneto e l'Ufficio regionale del pubblico tutore dei minori, istituzioni di ricerca italiane e straniere e organizzazioni nongovernative. Dall'A.A. 2007-08 è National Director per l’Italia dello European Master's Degree in Human rights and democratisation (Venezia). Giornalista pubblicista, è membro del Comitato Scientifico della Fondazione Zancan (ricerca sociale) di Padova.

Paolo De Stefani is researcher and aggregate professor on international law at the Faculty of Political Sciences, University of Padova. After the degree in Law at the Padova University in 1989, he was awarded the human rights specialisation diploma at the School on Institutions and techniques of human rights protection of Padua University. He conducted research at the same University’s human rights centre. He has lectured human rights international law in the mentioned School and the Faculty of Political Sciences at Padua University, the European Master’s degree on human rights and democratisation, and in several undergraduate and postgraduate courses. He has been consultant and adviser on human rights implementation policies for the Regional Government of Veneto and the Regional ombudsperson for children’s rights, and other public and private institutions. He has authored and edited publications (on human rights, international criminal law, children’s rights, national institutions for human rights). From the A.Y. 2007-08 he is “national director” for Italy of the European Master’s Degree in Human Rights and Democratisation (Venice). He is member of the Scientific Committee of the E. Zancan Foundation on social research in Padova, and journalist.

P. DE STEFANI & others (eds) (2013), Annuario italiano dei diritti umani 2013, Marsilio, Venezia
P. DE STEFANI, STRUMENDO L. (2012), Il Garante dell'infanzia e dell'adolescenza, A. Giuffrè Editore, MILANO.
P. DE STEFANI and others (eds) (2012), Italian Yearbook of Human Rights 2011, P.I.E. - Peter Lang, Bruxelles.
P. DE STEFANI (2012), Il terzo Protocollo opzionale alla Convenzione sui diritti del bambino, in PACE DIRITTI UMANI, 1, pp. 7-34.
— (2012), Per un approccio "cosmopolitico" alle politiche sull'immigrazione. Quale ruolo per gli enti locali?, in STUDI ZANCAN, pp. 44-56. .
— (2012), Verso una proibizione delle punizioni corporali su bambini e adolescenti. Norme e raccomandazioni internazionali e la posizione dell'Italia, in STUDIUM EDUCATIONIS, pp. 67-78.
— (2012), Jin-Bao Nie, Nanyan Guo, Mark Selden, and Arthur Kleinman (eds), Japan’s Wartime Medical Atrocities: Comparative inquiries in science, history, and ethics, Routledge, Abington and New York, 2010, in THEORETICAL MEDICINE AND BIOETHICS,.
P. DE STEFANI, E. TOFFANO MARTINI (a cura di) (2012), “Che vivano liberi e felici…”. Il diritto all’educazione a vent’anni dalla Convenzione di New York, Carocci, Roma, pp. 480.
P. DE STEFANI (2012), Il gioco come diritto umano, in “Che vivano liberi e felici..”. Il diritto all’educazione a vent’anni dalla Convenzione di New York, cit. pp. 164-173. .
— (2012), The European Court of Human Rights: A New Actor of Multilevel Governance? In Bekemans (ed), Intercultural Dialogue and Multilevel Governance in Europe. A Human Rights Based Approach, Peter Lang, BRUXELLES, pp. 293-305. .
— (2011), TI Immigrazione e diritti culturali: una strategia comune per l'attuazione di un diritto umano, in STUDI ZANCAN, 3, pp. 55-73.
P DE STEFANI et all. (eds) (2011), Annuario italiano dei diritti umani 2011, Marsilio Editori, Venezia, pp. 285. .
P. DE STEFANI (2011), Illustrazione e commento della legge 12 luglio 2011, n. 112, Istituzione dell’Autorità Garante dell’infanzia e dell’adolescenza, Archivio pace diritti umani, Human Rights Academic Voice – online, unipd-centrodirittiumani.it.
— (2011), Le punizioni corporali nel diritto internazionale, in CITTADINI IN CRESCITA, pp. 5-11. .
— (2011), Scuola e servizi sociosanitari: percorsi dal basso per tutelare i diritti dell'infanzia, in F. Cerchiaro (a cura di)Educazione; qualità dei servizi educativi; servizi alla persona; diritti del bambino, CLEUP, PADOVA, pp. 56-67.
P. DE STEFANI, F. SPEROTTO (2011), Introduzione al diritto internazionale umanitario e penale, CLEUP, PADOVA, pp. 230.
P. DE STEFANI (2011), Il diritto di voto delle persone con disabilità: “overinclusiveness is better than underinclusiveness”, Archivio pace diritti umani, Human Rights Academic Voice – online, unipd-centrodirittiumani.it.
— (2011). Immigrazione e diritti culturali: una strategia comune per l'attuazione di un diritto umano. STUDI ZANCAN, vol. 3; p. 55-73, ISSN: 1591-2965.
- (2011). Riflessi penalistici della tutela della famiglia nella giurisprudenza della corte europea dei diritti dell’uomo. In: ZATTI P. diretto da. Trattato di diritto di famiglia. Diritto penale della famiglia (a cura di S. Riondato). Seconda edizione. vol. IV, p. 149-226, MILANO: Giuffrè.
— (2011). Il Rapporto Goldstone: un contributo alla causa della pace. In: CONSIGLIO PER I DIRITTI UMANI DELLE NU. Missione di inchiesta delle Nazioni Unite sul conflitto di Gaza - trad. italiana di P. Beretta e G. Scutari. p. XIX-XXI, Frankfurt.

Diritto internazionale dei diritti umani: inquadramento sistematico delle fonti e sviluppi istituzionali e tematici a livello internazionale e transnazionale.
Obblighi internazionali degli stati: margine di apprezzamento nell'applicazione delle norme internazionali sui diritti umani e nell'esecuzione delle decisioni delle corti internazionali (in particolare, della Corte europea dei diritti umani).
Diritto internazionale penale e sue interconnessioni con il diritto umanitario e dei diritti umani.
Diritti umani, diritto umanitario e problematiche di riservatezza e protezione dei dati personali in connessione con disastri naturali e conseguenti azioni di protezione civile - diritto internazionale dei disastri, draft articles della ILC sulla protezioen delle persone in caso di disastri naturali o causati dall'uomo.

BA short theses may regard:
- ECtHR case law on:
-- "Italian" cases (Italy as respondent)
-- migrants, asylum seekers, refugees in European countries
-- EU human rights obligations and the ECtHR (including "Dublin cases)
- analysis of recent reports of UN Special rapporteurs on human rights
- case law and other activities of the UN human rights treaty bodies
- the CoE Social Charter and the Social Rights Committee
- implementation at Italian and/or EU level of the Convention on he rights of the child and the persons with disabilities' Convention

MA theses may address the following subjects:
- Humanitarian international law and human rights international law: interplay and cross-fertilization
- Humanitarian law standard in the case law of the ECtHR
- Migrants and Refugees protection policies in Italy and Europe
- ICC case law

Students may propose further subjects, provided they prove to be able to do research and draft their thesis independently. Methodological supervision is provided in any case.

Students may elaborate their dissertations -and supervision is provided- in Italian, English, and French.