Cose da sapere per laurearsi

La prova finale consiste in un elaborato scritto, denominato tesi. Il tipo di elaborato, l'argomento e il metodo di lavoro vengono definiti in accordo con il docente relatore, che deve essere un docente di cui lo studente abbia sostenuto l' esame.
Il titolo della tesi va definito in tempo utile per consentire al relatore di seguire l’avanzamento del lavoro attraverso più colloqui con il laureando.
Il titolo della tesi viene assegnato dopo aver mostrato al relatore l'attestato di frequenza ad uno dei laboratori organizzati dalla Biblioteca Ettore Anchieri sull’uso delle fonti bibliografiche (la frequenza è obbligatoria per gli studenti della Laurea triennale ex D.M. 270, consigliata anche per i laureandi delle Lauree triennali ex D.M. 509).
L’attestato di frequenza viene rilasciato durante i laboratori.
La tesi, anche se compilativa, non è una raccolta di passi e testi scritti da altri: deve essere comunque un lavoro personale della laureanda o del laureando. I testi (bibliografia) e i siti di riferimento individuati autonomamente o con l’aiuto del docente costituiscono una importante base di partenza per la tesi ma non possono essere copiati o riassunti senza indicarne l’autore.
Si ricorda che presentare come propri lavori in tutto o in parte copiati costituisce reato (legge n. 475/1925 modificata nel 1999).
Si ricorda anche che, secondo la legge sul diritto di autore, il riassunto o la riproduzione di brani o di parti di un’opera sono liberi per finalità di critica discussione e ricerca ma che in ogni caso il riassunto o la riproduzione devono sempre essere accompagnati dalla indicazione del titolo dell’opera, dei nomi dell’autore e dell’editore. Lo studente quindi dovrà inserire tra virgolette (“ ”) i brani di altri autori riportati nella tesi e indicare:

I laureandi delle lauree Magistrali e Specialistiche hanno la possibilità di depositare e pubblicare la tesi nel deposito istituzionale dell’Ateneo Padua@thesis http://tesi.cab.unipd.it/about.html
Almeno tre giorni prima della prova finale, il laureando deve consegnare alla Segreteria Didattica del Dipartimento di Scienze Politiche Giuridiche e Studi Internazionali (SPGI), in via del Santo n. 28:
n. 1 CD contenente la tesi in un unico file in formato pdf e il modulo della liberatoria, scaricabile qui di seguito.
Nel caso si intenda rendere visibile nel catalogo Padua@thesis solo i dati descrittivi (autore, titolo e abstract), è necessario compilare anche il “modulo di embargo”.

Download Liberatoria

Sono scaricabili al link sottostanti dei documenti che danno utili indicazioni sulle modalità di stesura della tesi.

Si ricorda che non è più attivo il servizio di assistenza alla reimpagninazione della tesi svolto da tecnici informatici.

Download frontespizio tesi triennale

Download frontespizio tesi magistrale

Download Indicazioni stesura tesi di laurea

Lauree vecchio ordinamento

Alla media, aritmetica, vengono aggiunti da 0 a 7 punti per le cosiddette tesi normali e da 8 a 11 punti per le tesi di eccellenza.

Lauree triennali ex D.M. 509

Coorti di immatricolazione fino all’anno accademico 2003/04:

Alla media, aritmetica, vengono aggiunti:

  • da 0 a 7 punti per la discussione dell’elaborato finale;
  • 1 punto: premio carriera.

La lode potrà essere proposta dal relatore o dal correlatore allo studente che raggiunga con il punteggio della prova finale un punteggio pari a 110.

Coorti di immatricolazione dall’anno accademico 2004/05:

Alla media aritmetica, vengono aggiunti:

  • da 0 a 5 punti per la discussione dell’elaborato finale;

La lode potrà essere proposta dal relatore o dal correlatore allo studente che raggiunga con il punteggio della prova finale un punteggio pari a 110.

Lauree specialistiche ex D.M. 509

Alla media, ponderata, vengono aggiunti da 0 a 7 punti per le cosiddette tesi normali e da 8 a 11 punti per le tesi di eccellenza.

Lauree triennali ex D.M. 270

Alla media, ponderata, vengono aggiunti:

  • da 0 a 5 punti per la discussione dell’elaborato finale;
  • da 0 a 2 punti quale premio carriera, da assegnare secondo il seguente criterio:
    • 2 punti per lo studente che si laurea entro il 3° anno di iscrizione, compreso il primo periodo (appelli di febbraio, marzo).
    • 1 punto per chi si laurea entro il quarto 4° anno di iscrizione, compreso il primo periodo (appelli di febbraio, marzo).

La lode potrà essere proposta dal relatore o dal correlatore allo studente che partendo da una media ponderata di almeno 104/110 raggiunga con il punteggio della prova finale un punteggio superiore al 110.

Nei casi di studenti trasferiti da altro corso di studio o Ateneo che abbiano goduto del riconoscimento di carriera pregressa e di studenti rinunciatari che abbiano effettuato una nuova iscrizione ad un corso di studio del Dipartimento godendo del riconoscimento della carriera pregressa, ai fini dell’attribuzione dell’eventuale premio carriera, sarà considerato l’anno accademico di prima immatricolazione e non l’anno accademico di immatricolazione al  corso di studio  nel quale viene conseguito il titolo.

Lauree magistrali ex D.M. 270

Alla media ponderata, vengono aggiunti:
da 0 a 7 punti per la discussione dell'elaborato finale.
La lode potrà essere propopsta dal relatore o dal correlatore per lo studente che raggiunga con il punteggio della prova finale un punteggio pari a 110.

Laurea triennale in Servizio sociale

Il voto finale di laurea ha come base di partenza la media ponderata (con riferimento al numero di CFU attribuito a ciascun insegnamento o attività formativa) dei voti ottenuti negli esami e nelle attività di tirocinio, espressa in centodecimi. Alla prova finale sono attribuiti da 0 a 3 centodecimi, che si aggiungono al voto di media, sulla base della valutazione della prova (relazione scritta e discussione), sulla base della seguente scala:

- punti 0/110 elaborato sufficiente
- punti 1/110 elaborato discreto
- punti 2/110 elaborato buono
- punti 3/110 elaborato eccellente.

Criteri per la definizione del voto finale di laurea per il corso di laurea triennale in Servizio sociale.
Per le coorti 2014/15 e 2015/16, il tirocinio si conclude con un esame finale che darà diritto all'approvazione o meno dello stesso nel sistema Uniweb. Congiuntamente la commissione esprimerà un giudizio attraverso un punteggio nel range tra 0 e 2 punti, in cui 0 corrisponderà ad una qualità bassa, 1 media ed infine 2 alta. Si potrà segnalare la menzione della lode, in tal modo potrà essere considerata per la definizione del voto finale di laurea in funzione alle norme di seguito precisate.
Contribuiscono quindi alla definizione del voto finale la media pondrata degli esami sostenuti a cui si potranno aggiungere fino a 3 punti sulla base della valutazione dell'elaborato finale espresa dalla Commissione di Tesi e fino a 2 punti sulla base della valutazione ottenuta all'esame di tirocinio, espresso dalla Commissione Tirocinio. Questi punti verranno sommati ai punti premiali già previsti per coloro che si laureano in corso o che abbiano realizzato altre esperienze. Infine viene precisato come lo studente avrà accesso alla lode solo qualora abbia collezionato almeno una lode sulla prova finale o nell'esame di tirocinio nella formula o/o.

La Commissione, inoltre, attribuisce un punteggio aggiuntivo in caso:

a) di esami sostenuti all'estero nel quadro di programmi di scambio: 0,2 centodecimi per esame;
b) di conseguimento della laurea entro il mese di dicembre del terzo anno secondo le regole qui sotto indicate:

agli studenti che si laureano entro il mese di dicembre del terzo anno viene attribuito un punteggio aggiuntivo (da 0 a 4.5 centodecimi) graduato in funzione 1. della carriera (media esami) e 2. del valore/livello dell’elaborato finale, secondo la scala che segue:

- carriera: allo studente che si laurea nel triennio con una media da 96 a 99,99 punti 1; da 100 a 103,99 punti 2; da 104 punti 3;
- livello dell’elaborato finale: allo studente che si laurea nel triennio è attribuito un punteggio aggiuntivo pari a 0,5 nel caso in cui l’elaborato finale venga valutato con punti 1; punti 1 nel caso in cui l’elaborato finale venga valutato con 2, e punti 1,5 per punti 3 attribuiti all’elaborato finale.

NB: Il punteggio aggiuntivo di cui al punto b. non è attribuito agli studenti che seguono percorsi speciali e abbreviati a seguito di riconoscimento di CFU per studi universitari pregressi e/o per competenze acquisite in campo professionale e riconosciute ai sensi del DM 03/11/1999, n. 509 e successive modifiche. In questi casi la commissione potrà procedere all’attribuzione del punteggio aggiuntivo solo in presenza di un anticipo dei tempi per il conseguimento del titolo almeno pari all’abbreviazione di carriera ottenuta.

Attribuzione della lode: la lode potrà essere attribuita con il voto unanime della commissione solo nel caso in cui il voto finale (con tutti gli incrementi di voto compreso quello per la prova finale) sia maggiore di 109,5/110, e vista anche la carriera complessiva del candidato (ad es. lodi ottenute negli esami di profitto, livello dell’esposizione dell’elaborato finale ecc.).

Laurea magistrale in Scienze del servizio sociale

Per la coorte 2014/15 e 2015/16 il tirocinio si conclude con un esame finale che sarà valutato come approvato/non approvato nel sistema Uniwe. Congiuntamente, la commissione esprimerà un giudizio espresso in trentesimi, che verrà convertito in punti finali da aggiungerer al voto finale di laurea all0interno di un range da 0 a 2 punti, secondo il seguente criterio:
coorte 2014/15
voto da 18 a 21/30: punti 0
voto da 22 a 26/30: punti 1
voto da 27 a 30/30: punti 2

coorte 2015/16
qualità bassa: 0 punti
qualità media: 1 punto
qualità alta: 2 punti.







 


ORARI DI APERTURA AL PUBBLICO:

Dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00

martedì e giovedì  anche dalle ore 15.00 alle ore 17.00

Per informazioni scrivere alla referente sig.ra VEGRO STEFANIA (stefania.vegro@unipd.it) o telefonare al numero 049/8274204 negli orari sopra indicati.

 

ATTENZIONE: Per laurearsi gli studenti triennali D.M. 270 devono consegnare l'attestato rilasciato dalla Biblioteca dopo aver frequentato un “Laboratorio bibliografico”. Si consiglia di iscrtiversi al laboratorio prima di concordare il titolo della tesi con il relatore.

Nota bene: Poiché non esistono convenzioni con agenzie fotografiche, il dipartimento SPGI declina ogni responsabilità per il caso di servizi fotografici realizzati durante la cerimonia delle lauree presso le aule della propria sede.